Impianti di demineralizzazione a resine

La demineralizzazione è un processo di tipo chimico basato sulla capacità di resine sintetiche di fissare i cationi e gli anioni, rilasciando acqua “demineralizzata”.

Come funzionano gli impianti di demineralizzazione a resine

La tecnologia dei demineralizzatori si basa sulle proprietà chimiche che caratterizzano le resine a scambio ionico, matrici polimeriche di origine sintetica.

Queste resine sono provviste di gruppi funzionali attivi, ancorati alla matrice, capaci di scambiare i loro ioni mobili con ioni della stessa carica contenuti nelle soluzioni con cui entrano in contatto.

In pratica, grazie alla demineralizzazione delle acque si trattengono i sali disciolti e permettendo la depurazione parziale o totale di effluenti diluiti o concentrati.

Demineralizzazione acqua: La tecnica a scambio ionico

La tecnica a scambio ionico è molto usata nel campo della depurazione e nel trattamento delle acque primarie ed è particolarmente indicata per la demineralizzazione.

In generale, le principali applicazioni degli impianti a scambio ionico riguardano:

  1. Addolcimento
  2. Produzione di acqua demineralizzata
  3. Riciclo acque di lavaggio
  4. Rimozione metalli pesanti o sostanze indesiderate

Perchè scegliere un impianto di demineralizzazione 

Gli impianti di demineralizzazione con tecnica a scambio ionico si rivelano particolarmente utili e vantaggiosi su diversi fronti: 

  • produzione di acqua di qualità superiore rispetto ad un impianto a membrane
  • consumi energetici ridotti
  • non vi è acqua da scaricare (ad esclusione degli eluati prodotti durante la rigenerazione)
  • interventi di manutenzione minimi
  • ideali per funzionamento a ricircolo su linee di lavaggio finale nei tunnel di pretrattamento
Impianto di demineralizzazione